Estrogeni e cancro al seno

16 anni fa è stato pubblicato uno studio del Women’s Health Institute (WHI). Questo studio si è rivelato rivoluzionario. Ha sconsigliato l’uso della terapia ormonale menopausale (MHT) e ha provocato una tempesta mediatica, causando confusione e una drastica riduzione del numero di prescrizioni. Da allora, la rianalisi dei dati e ulteriori ricerche hanno suggerito che, in realtà, per molte donne l’MHT è sia efficace che ha un rapporto rischio-beneficio. Di conseguenza, l’Organizzazione mondiale della sanità ha etichettato MHT come fornitore di benefici e non di rischi.

Sfortunatamente, la mancanza di un trattamento efficace a seguito dello studio WHI ha lasciato molte donne sofferenti. Parlando al COGI 2018, il Prof. Fernand Labrie ha indicato che il trattamento dei sintomi postmenopausali è diventato un bisogno insoddisfatto. Questo, ha suggerito, era principalmente dovuto alla paura degli estrogeni.

 

Gli estrogeni promuovono il cancro al seno?

Il dottor Christian Singer ha spiegato che l’esposizione agli estrogeni è un fattore determinante del rischio di cancro al seno. Ha discusso che gli estrogeni possono indurre e promuovere il cancro al seno, con meccanismi relativi al metabolismo ossidativo nella via del catecolo e il legame del recettore e2 che porta ad un’alterata espressione genica. Tuttavia, dati recenti hanno suggerito che gli estrogeni da soli non hanno un effetto significativo e possono anche avere un effetto positivo sul rischio di cancro al seno o sulla mortalità correlata al cancro.

Supportando ulteriormente questa ricerca, la dott.ssa Herjan Bennink ha condiviso dati affascinanti sul rischio di carcinoma mammario a vita in donne, uomini e persone transgender da maschio a femmina. Le femmine hanno un rischio di carcinoma mammario a vita di 1 su 8, mentre i maschi hanno un rischio di 1 su 1000. Al fine di sviluppare tessuto mammario, le persone transgender maschio-femmina devono sottoporsi ad alte dosi di trattamento con estrogeni per molti anni. Tuttavia, il rischio di carcinoma mammario in queste persone rimane 1 su 1000. Ciò suggerisce che i fattori alternativi devono svolgere un ruolo significativo nello sviluppo del carcinoma mammario. Il Dr. Bennick ha suggerito che questi potrebbero includere una serie di considerazioni tra cui il numero di cicli mestruali e fattori di stile di vita.

 

Gli estrogeni potrebbero aiutare a prevenire il cancro al seno?

In una lezione speciale controcorrente, il dott. Bennink ha sostenuto che mentre gli estrogeni hanno un meccanismo per promuovere il cancro al seno, possono anche avere un effetto protettivo. Ad esempio, ha spiegato che la gravidanza può comportare una significativa riduzione del rischio di carcinoma mammario positivo al recettore degli estrogeni. Sappiamo che la gravidanza è associata a un grande aumento degli estrogeni. Si potrebbe ipotizzare che questo potrebbe essere protettivo. Tuttavia, il meccanismo d’azione specifico non è chiaro e sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno se gli estrogeni potrebbero avere alcuni effetti protettivi sul rischio di cancro al seno.  

Fonte: womenshealthedu.com/new-blog/2018/11/24/estrogens-and-breast-cancer 

(traduzione semiautomatica)